F1 2017 – Recensione

Codemasters fa il suo giro migliore in Formula 1. La recensione di F1 2017.

Anche quest’anno Codemaster porta sui nostri schermi la versione 20017 del suo F1. Reduce dal successo di critica della versione 2016  e dal mezzo flop di quella 2015, il team inglese aveva il difficile compito di ampliare e strutturare in modo più convincente un gioco che ormai rischiava di adagiarsi su una struttura standard al grido di: “gioco che vince non si cambia”.

Contrariamente a quanto si possa pensare, non solo sono riusciti a mantenere tutto ciò che c’era di buono nella passata edizione, ma anche ad aggiungere nuovi elementi che rendono l’esperienza più profonda e coinvolgente. Vediamoli subito nel dettaglio.

I perfezionamenti più salienti, riguardano principalmente la modalità carriera, in primis sono stati aggiunti, come da regolamento ufficiale FIA, i ricambi limitati per la propria monoposto.

La nostra video recensione di F1 2017

Nelle sessioni di gestione team, potrete tenere d’occhio le principali componenti della vostra auto, controllare l’usura e decidere quale sia il momento più adatto della stagione per sostituire le parti a rischio ed evitare di rimanere a piedi durante il gran premio decisivo.

Direttamente collegato a questo aspetto è stato introdotto un sistema di crafting ad albero per sviluppare i progressi tecnologici del vostro reparto tecnico. Potrete dunque spendere i punti carriera, guadagnati ogni week end di competizione, per potenziare tutti gli aspetti tecnologici della vostra auto, come aerodinamica, propulsore, telaio e diminuire o aumentare di conseguenza l’usura delle parti sensibili che vengono interessate in gara.

F1 2017 - Sistema di crafting
F1 2017 – Sistema di crafting

 

Come se non bastasse, per variare l’esperienza di crescere il vostro pilota, sono stati introdotti, fra un gran premio e l’altro, degli eventi speciali dove sarete invitati a guidare monoposto storiche in gare con obiettivi particolari, dove guadagnerete ulteriori punti da investire nel vostro team.

Anche dal punto di vista tecnico è stata introdotta qualche miglioria, infatti ora il gioco sfrutta la modalità HDR per i televisori che la supportano, dando quel tocco fotorealistico in più che in gara non guasta mai.

Unico neo di questa produzione sono ancora i filmati introduttivi con le animazioni pre gara, i modelli dei nostri piloti preferiti non raggiungono ancora quello stato dell’arte ormai standard nelle produzioni videoludiche nextgen, un peccato, anche se a giudicare dalle migliorie introdotte quest’anno alla parte gestionale, possiamo certamente chiudere un occhio, certi che arriveranno probabilmente nella versione 2018.

Detto questo, non possiamo altro che elogiare questo titolo, in grado di soddisfare tutti i palati, dal pilota più tecnico al casual gamer. Entrambi potranno configurare il gioco, come da tradizione Codemaster ormai, sia in modalità simulativa, che arcade dando molte soddisfazioni in entrambi i casi. Promosso a pieni voti e mezzo punto in più dell’edizione passata.

[All’interno di questo articolo troverete anche una video recensione, realizzata dal sottoscritto, dove potrete farvi un’idea più chiara delle caratteristiche di F1 2017]

 

RASSEGNA PANORAMICA
Giudizio
Condividi
Alessandro Tagliabue
Designer e tecnico di post produzione cine--televisiva, appassionato di cinema, videogame e fumetti da quando ho memoria, ho anche una gran passione per la musica metal e punk hard core!